Disintossicazione

Disintossicazione

La purificazione del corpo nelle varie culture

L’abitudine di tenere puliti gli organi del corpo era importante in quelle culture in cui si rivolgeva molta attenzione e cura alla salute. Nei Paesi da cui provengono le radici della meditazione, dove si è diffusa la cultura del movimento o nei quali l’impiego di sostanze naturali, soprattutto principi attivi vegetali, sono stati sviluppati fino a tal punto che grazie ad essi hanno potuto conservare per secoli: India, Egitto e Grecia.

Anche il metodo di guarigione più antico del mondo, l’ayurveda, prevede un programma completo impiegato nei processi di pulizia intestinale Panchakarma non solo serviva a curare i disturbi legati alla digestione, ma veniva impiegata anche regolarmente come terapia inetgrante per la cura di malattie gravi. Per esempio l’aumento della produzione di muco secondo l’ayurveda rappresenta l’accumulo del Kapha responsabile dei processi infiammatori, e che possiamo eliminare con un’adeguata cura che avviene provocando il vomito.

Nell’antico Egitto si consigliavano i clisteri nel caso di febbre alta, o se come sintomo si aveva muco (la produzione eccessiva della membrana comunque è un tipico sintomo di intossicazione).

Nell’antica Grecia, similmente all’ayurveda, la pulizia degli organi del corpo era considerata molto importante. Il sangue veniva rinfrescato tagliando le vene, la pulizia intestinale invece veniva effettuata con l’impiego di cure lassative a base di erbe terapeutiche. Anche i clisteri svolgevano un ruolo importante della disintossicazione.

Metodi di disintossicazione

Come abbiamo visto, le varie culture conoscevano le varie fasi del processo durante il quale il corpo è capace di liberarsi delle sostanze ad esso superflue e dannose. L’accelerazione del metabolismo (con i lassativi), il digiuno e la provocazione del vomito, i clisteri, il metodo di pulizia del colon, i massaggi degli organi responsabili del lavoro della disintossicazione, i bagni di sale e i pediluvi, la sudorazione (sauna, bagno turco), la pulizia intestinale con piante medicinali o con le fibre sono tutti metodi impiegati anche oggi.

Il digiuno nelle religioni

Anche il digiuno, ovvero l’astensione da alcuni tipi di alimenti o da tutti i cibi solidi, è un fenomeno antico, che l’essere umano porta con sè come bagaglio culturale. Se infatti osserviamo il mondo animale vediamo che, nel caso sopravvenga un qualche problema fisico, questi sospendono da subito l’alimentazione, anche per vari giorni, favorendo così il processo di pulizia intestinale, che porta poi alla rigenerazione dell’organismo.

Nel mondo umano il digiuno ha due fini: uno è la pulizia, il sollievo e la rigenerazione dell’apparato digerente (e con questo di tutto l’organismo), l’altro invece l’elevazione dell’anima.

Esistono vari tipi di digiuno. Uno è quello in cui viene eliminato dall’alimentazione un dato alimento (come cura o per sempre), l’altro quando gradualmente lasciamo i cibi solidi per 1,3 o più giorni, ma sempre in numero dispari, per poi riprendere il loro consumo gradualmente.

Oltre al fatto che il digiuno figura sempre tra i metodi di guarigione dei popoli antichi, anche prima delle festività della chiesa o delle altre religioni ci sono spesso dei periodi di digiuno, che aiutano i credenti ad aprirsi meglio al nutrimento dell’anima. I due obiettivi del digiuno (il miglioramento dello stato fisico e spirituale) ovviamente dipendono l’uno dall’altro. Più che il corpo si trova in una condizione sana a naturale e meno sostanze tossiche impediscono il normale funzionamento dei suoi organi, più aumenterà il benessere generale e saremo più aperti ad accettare il nutrimento spirituale.

Molte culture legano il digiuno non solo alle feste religiose, ma anche ai vari periodi dell’anno in natura, quando le vibrazioni e i processi che si svolgono nel pianeta terra possono supportare potentemente i processi di pulizia e la liberazione da scorie dell’anima e del corpo. Sono adatti a questo scopo per esempio i periodi di luna decrescente, le stagioni di passaggio, come l’autunno e la primavera, e i periodi di digiuno prima del Natale e della Pasqua.

Video

Un programma di pulizia del colon e di disintossicazione

Clean Inside® in tre passi